giovedì 12 aprile 2018

Continua lo studio delle pale eoliche da parte degli alunni della classe 1A dell'IC Garibaldi Leone

ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE
Uscita didattica presso l'Ipercoop Mongolfiera di Foggia: laboratori sensoriali "Il villaggio delle emozioni"

martedì 3 aprile 2018

Apprendimento attivo per gli alunni della classe 1A

Durante l'anno scolastico in corso gli alunni della 1A sono stati coinvolti nel progetto eTwinning SMALL SCIENTISTS STEM CLUB, che li coinvolge in attività scientifiche con diverse metodologie didattiche. Una di queste è la Inquiry Based Learning basata sull'investigazione e la risoluzione di problemi in ambito scientifico. Uno degli obiettivi da raggiungere per lo studente è la costruzione della propria conoscenza in modo attivo e poco noioso.
Vi presento il video di un bambino inglese di 8/9 anni, il quale usa la metodologia sopra indicata per costruire il percorso per una biglia, e a seguire i video dei bambini della 1A.






venerdì 23 marzo 2018

Progetto PON: coding ed innovazione

Il sistema educativo svolge un ruolo decisivo nel preparare, stimolare e accompagnare le studentesse e gli studenti verso una comprensione e un uso delle tecnologie digitali che vada oltre la superficie, superando un ruolo di consumatori passivi. È, quindi, necessario che le nostre studentesse e i nostri studenti siano consapevoli del codice che abita una parte sempre più rilevante del mondo che li circonda, siano in grado di agire attivamente e operare creativamente con e attraverso esso e siano adeguatamente equipaggiati per diventare cittadini consapevoli. Ciò è decisivo anche dal punto di vista dello sviluppo economico: come sottolineato da recenti raccomandazioni internazionali (Economic Survey of Italy, OECD 2017), per migliorare la competitività e lo sviluppo, il nostro sistema paese ha bisogno di colmare il disallineamento delle competenze, a partire dai settori dell’innovazione tecnologica. Scopo del progetto in atto è promuovere lo sviluppo di molteplici competenze utili ad affrontare la complessità del mondo attuale e le sfide di una società che cambia rapidamente, contribuendo a far sì che in tutti coltivino e sviluppino le loro capacità di comprendere, interpretare, criticare, creare.
https://spark.adobe.com/page/ZzeGs52aHqQk7/

Quando la didattica diventa insegnamento concreto

Di solito si pensa che nelle classi di scuola primaria , i bambini siano troppo piccoli per affrontare temi di questa portata  ma non è così, perché fenomeni di prepotenza  che  non  sono proprio atti di  cattiveria pura , se trascurati  possono sfociare  in  bullismo ;tuttavia è  bene sensibilizzare i bambini su certi problemi. Così,  in classe,  si è scritta  alla lavagna la parola “bullismo” e si è chiesto  ai bambini se ne conoscessero il significato, dopo un iniziale silenzio, un bambino ha preso la parola dicendo che aveva sentito questa parola in televisione e che il bullismo :“E’ quando dei ragazzi picchiano o fanno del male a ragazzi più deboli senza alcun motivo, con lo scopo di fare del male ”. Dalle risposte successive di altri bambini è nata una conversazione guidata .  La discussione è proseguita e ha portato i bambini a capire che  il  bullismo  è un atteggiamento sbagliato .L’unico modo per sconfiggere un bullo è stare dalla parte del debole e dimostrargli che non è solo. Chiamati ad esprimere concetti e pensieri , è nata l’idea  di realizzare un video con  lo scopo di far arrivare un messaggio ben preciso e fornire informazioni sull’argomento trattato . A differenza di solo foto o immagini , il  video non rimane asettico ma cattura l’attenzione  non solo dello spettatore ma anche dei  piccoli protagonisti che vivendo l’esperienza , se pur  virtuale , riescono meglio a trattare il delicato tema .